Informa in breve


La contrattazione artigiana si rinnova

A oltre dieci anni di distanza dall’ultimo contratto regionale dell’artigianato è stato siglato il contratto collettivo regionale per i lavoratori delle imprese artigiane e delle piccole e medie imprese dei settori del legno, arredamento e mobili dell’Emila Romagna. Il contratto, siglato da CNA, Confartigianato, Casartigiani, CLAAI e CGIL, CISL, UIL interessa circa 5.000 lavoratori dipendenti occupati nelle 1.100 imprese Emiliano romagnole del settore. Il contratto rinnova radicalmente la contrattazione regionale introducendo un premio di produttività annuale per tutti i lavoratori delle aziende che nell’arco dell’anno precedente hanno realizzato un effettivo incremento di produttività ed efficienza rilevato attraverso indicatori condivisi dalle parti. Il premio erogato ai lavoratori sarà detassato e, per coloro che ne faranno richiesta, sarà parzialmente disponibile in servizi di welfare. Questo rinnovo contrattuale, insieme all’Accordo siglato dalle stesse parti il 29 settembre 2017, apre una nuova stagione delle relazioni sindacali per l’artigianato e le PMI dell’Emilia Romagna caratterizzata da più produttività e flessibilità per le imprese, più diritti, welfare e salario per i lavoratori.

13-06-2018

Per esaminare nel dettaglio la contrattazione di secondo livello, strumento alla portata anche delle piccole e medie imprese, CNA organizza martedì 19 giugno, presso la Camera di Commercio di Modena, dalle 14.30 alle 18, il seminario regionale “Nuovi orizzonti della contrattazione di secondo livello: welfare, produttività e flessibilità”. LINK PER APPROFONDIRE

Per approfondire